Stefano Donno on twitter

sabato 31 marzo 2012

ERICA CHASE


“If you took John Lennon, Lynsey Buckingham, and Sheryl Crow and morphed them into one, it might sound a bit like Los Angeles native Erica Chase.  She’s a little bit of old school rock and roll meshed with pop hooks, and wholeheartedly authentically unique. On original tracks like “We Can Fly,” and “Never Let You Go,” there is a raw grittiness that comes echoing off of the speakers that sounds like a seasoned vet.  From bass lines that shamelessly honor Paul McCartney and John Paul Jones, to lyrics spanning from political change to undying hope for love, Chase bleeds honesty in her music and leaves it all out on the stage and on the record. Growing up in Los Angeles, Erica was more surrounded and inundated with sports and athleticism, then music.  The middle child and only girl between two brothers, Chase spent her early years as a jock.  However, after a life-changing trip to Poland at age 7, everything changed.  Her destiny was sealed when Erica heard the opening riff of the Red Hot Chili Peppers’, “Under the Bridge.”  This song was number one around the world at the time and Erica could not wait to hear it on the radio constantly.  Rock stardom was calling.  She decided then and there, when the family returned to LA, she would become the next big thing (even though she was a tiny little 7 year old!). After a few months of trying to learn the guitar on a cousin’s $50 toy store acoustic, she had to give up due to small and unequipped fingers.  It would not be long until she would pick it up again, and begin a prolific song catalog. Erica Chase was a star athlete in high school, but was secretly spending hours in her bedroom writing songs and studying The Beatles, The Doors, Hendrix, and whatever was current at the time as well. “I have always been heavily influenced by the 60’s and 70’s rock before technology; when everything was just raw and not over analyzed.  At the same time, I have always dreamt about a top 40 kind of singer-songwriter career.  All of my music starts on an acoustic guitar and a piece of paper and yes you can build a track around it but the essence is in the purity and honesty.” Chase formed a rock band in college which got local buzz, but it was not until her senior year that a partnership would begin that would make her next move extremely clear.  The day after a phone call introduction that would lead to an interesting partnership with Dana Strum, Erica nearly lost her life as she was riding a bicycle and was hit by a truck, which landed her in the emergency room.  Though she fortunately walked away with minor injuries, this would make Erica absolutely certain that her next move was to keep that 7-year-old kid alive inside of her and go full throttle with her music. “The highest highs and lowest lows have always been simultaneous moments have happened right after each other and I think that has heavily influenced my music and how I make sense of it.” Strum, Slaughter bassist and multiplatinum producer, and Chase spent the next two years after Erica completed school, working on demos in Las Vegas.  During this time, Chase’s music was exposed to many multiplatinum artists, including Motley Crue, Steven Tyler and even Paul McCartney, interested in working with the young rocker from the valley.  Chase also became the only American semi finalist in an exclusive annual new artist radio expo in the United Kingdom. “Dana encouraged me to just write all of the time.  Living in Las Vegas, I was never short of inspired, so I literally spent 2 years writing songs…lots of songs.  It helped me develop a signature thing that I do and even though there were many wine filled frustrating nights, I knew the journey was just beginning.” Armed with a couple guitars, always a composition book, and her signature capo, Erica Chase is at the start of her epic journey.  Her style of guitar playing is often compared to the rough untrained styles of early Beatles recordings, while her voice is likened from anyone to Bob Dylan, Sheryl Crow, and even Linda Perry.  However, she is undoubtedly unique in her style, drive, and unwillingness to give up until her dreams come true.”

HERE


STEFANO MAZZOTTI


“Stefano Mazzotti nato nel 1951, ha studiato mosaico e pittura diplomandosi all’Accademia di Belle Arti di Ravenna.  - Se pochissimi artisti oggi usano il mosaico nel modo più ortodosso e originario, genuinamente suggestivo e simbolico, che fu manifestazione di quel simbolismo aulico bizantino-ravennate, ancora meno sono quelli che realmente "pensano" in mosaico senza trasporre in questa tecnica opere progettate in altra. Stefano Mazzotti è ravennate e mostra di avere nel suo DNA il modus operandi che fu dei suoi avi, di quelle maestranze bizantine che allestirono il suggestivo notturno di Galla Placidia - astratto e concettuale - che crearono l'atmosfera diurna e solare degli splendidi battisteri, le manifestazioni del potere in San Vitale e le assorte teorie religiose di Sant'Apollinare Nuovo. Il senso intimo e profondo del linguaggio tecnico è il medesimo, traslato in un'espressione formale assolutamente contemporanea. Pochi segni, rari simboli, totalmente scevri da ogni esigenza narrativa, e Mazzotti compone opere di cosmica ed ancestrale trascendenza, voragini spaziali nelle quali la vibrazione cromatica e luminosa eccita frequenze inaudite che attingono al profondo. Quel pudore contemplativo che si macchia di poesia, che, rarissimo, talvolta affiora allo scoperto, è sollecitato con adamantina abilità dal lavoro di Mazzotti. E come squarci di modernità "antichissima", finestre entro le quali la rivelazione della propria anima è possibile ed auspicabile come parte integrante della visione, le opere musive seducono ed ammaliano provocando straniamenti spazio-temporali. Straniamento, sospensione e tensione dello spirito sono poi i vertici di un magico triangolo sotteso alle opere più recenti di Stefano Mazzotti, mosaici di modernissime e ipnotiche tessere d'acciaio, sinfonia monocromatico-luminosa di grigi di sontuosa ricchezza chiaroscurale. (Alfonso Panzetta www.alfonsopanzetta.it) (l’opera qui proposta è di Stefano Mazzotti)

QUI

ONEOK


“ONEOK (NYSE: OKE) is the sole general partner and owns 42.8 percent of ONEOK Partners, L.P. (NYSE: OKS), a publicly traded limited partnership engaged in natural gas gathering and processing, natural gas pipelines and natural gas liquids. ONEOK is three natural gas distribution companies serving more than two million customers in Oklahoma, Kansas and Texas. ONEOK is an energy services company marketing natural gas and related services to local distribution companies, industrial customers and power generators.  ONEOK is a Fortune 500 company. Originally founded in 1906 as an intrastate natural gas pipeline business in Oklahoma, today ONEOK is one of the nation's premier energy companies involved in the natural gas and natural gas liquids businesses. Its business segments provide safe, reliable energy and services to their diverse customers. By following a strategy that blends the performance and profitability of all of the segments, ONEOK's balanced business mix enables it to deliver sustainable earnings growth for shareholders. ONEOK’s success is driven by employees who strive to better not only their company but also the communities in which they live.
ONEOK's headquarters are located in:
ONEOK Plaza -100 West Fifth Street
Tulsa, OK 74103. Phone: 918-588-7000”

HERE


THE TECHNOLOGIST by Matthew Pearl (Random House)


Boston, 1868. The Civil War may be over but a new war has begun, one between the past and the present, tradition and technology. On a former marshy wasteland, the daring Massachusetts Institute of Technology is rising, its mission to harness science for the benefit of all and to open the doors of opportunity to everyone of merit. But in Boston Harbor a fiery cataclysm throws commerce into chaos, as ships' instruments spin inexplicably out of control. Soon after, another mysterious catastrophe devastates the heart of the city. Is it sabotage by scientific means or Nature revolting against man's attempt to control it? The shocking disasters cast a pall over M.I.T. and provoke assaults from all sides--rival Harvard, labor unions, and a sensationalistic press. With their first graduation and the very survival of their groundbreaking college now in doubt, a band of the Institute's best and brightest students secretly come together to save innocent lives and track down the truth, armed with ingenuity and their unique scientific training. Led by "charity scholar" Marcus Mansfield, a quiet Civil War veteran and one-time machinist struggling to find his footing in rarefied Boston society, the group is rounded out by irrepressible Robert Richards, the bluest of Beacon Hill bluebloods; Edwin Hoyt, class genius; and brilliant freshman Ellen Swallow, the Institute's lone, ostracized female student. Working against their small secret society, from within and without, are the arrayed forces of a stratified culture determined to resist change at all costs and a dark mastermind bent on the utter destruction of the city. Studded with suspense and soaked in the rich historical atmosphere for which its author is renowned, "The Technologists" is a dazzling journey into a dangerous world not so very far from our own, as the America we know today begins to shimmer into being..”

STORIA DI UNA CAPINERA di Giovanni Verga (Newton Compton). . Intervento di Vittoria Coppola


Giovanni Verga non scrive solo un romanzo, ma un “piccolo mondo” di costrizione e rinuncia. Maria, giovane e dolce, è la capinera.  Una Sicilia aristocratica e vittima di assurdi tabù, fa da triste sfondo alle vicende. La ragazza è indotta alla vita monastica: qualcosa di ineluttabile, che la condizionerà per sempre. Nulla fa, l’amore per un giovane, che pure è vero  ma resta segreto e intimo: anch’esso non conoscerà la ribellione. Nulla determina la corrispondenza epistolare e privata con un’amica: rifugio indispensabile. Maria non ha il coraggio di cambiare e si lascia perciò sopraffare da volontà altrui alle quali non vorrà, o potrà, opporsi. La giovane è una "triste capinera", che giunge fino alla pazzia.Verga delinea un personaggio e attorno ad esso una storia, che lasciano al lettore amarezza e riflessione: quanto è indispensabile essere liberi di vivere appieno la vita? Quanto conta il coraggio di scegliere? E infine, aggiungo io, la vicinanza di qualcuno può essere determinante quando si è fragili?  Una storia scritta in un tempo lontano ma affatto inattuale, in cui risalta in maniera lampante  quanto una gabbia, seppure dorata, resti pur sempre una gabbia!

Oggi mangio da … n. 197: Ristorante Greco e Levante


“Il ristorante Greco e Levante direttamente sul mare, offre un ambiente climatizzato ed elegante, dove gustare specialità di pesce freschissimo. Il nostro chef vi stupirà con sfiziosi antipasti caldi e freddi, tartare e carpacci di spigola, orata, cernia, tonno, pesce spada e tutte le crudité di molluschi. Un'ampia scelta di vini consigliata dal nostro sommelier accompagnerà le vostre pietanze. Il locale si presta a cene romantiche ma anche a ricevimenti, banchetti e colazioni di lavoro. Tra i nostri antipasti potrete gustare deliziose tartare e cruditè di pesce freschissimo; tra i primi uno dei nostri piatti a base di pasta fatta a mano e tra i secondi carpacci  di spigola, orata, cernia, tonno, pesce spada, molluschi, accompagnati da verdura sempre di prima scelta e di stagione. A fine pasto concediti uno dei nostri dolci fatti in casa. Ti aspettiamo in Via Adriatica Nord 71 a San Vito Chietino, provincia di Chieti. Per informazioni e prenotazioni contatta il nostro numero di telefono: 0872 6127”

QUI

Il libro del giorno: Ascolta i tuoi SPIRITI GUIDA DI SONIA CHOQUETTE (My Life edizioni)



Ascolta i tuoi Spiriti
Guida


Chi non è consapevole della costante presenza di queste creature superiori vive in modo incompleto, perché tutto ciò che esiste nell'universo è stato creato per tutelare e accudire ogni essere e per aiutarci a evolvere nel nostro viaggio. Imparando a connetterci con le nostre guide angeliche spingiamo la nostra vita in un flusso armonioso nel quale l’anima trova spazio per crescere e abbiamo la possibilità di realizzare lo scopo della nostra esistenza, rendendo infinitamente piacevole il tempo che ci è concesso su questo Pianeta. In questo libro affascinante e di grande ispirazione Sonia Choquette spiega come stabilire un contatto con le nostre guide in modo da poter godere di tutto l’amore, il benessere e la gioia che ci spettano.
“Dopo aver risvegliato la consapevolezza del tuo spirito, il passo successivo nel processo di connessione con le tue guide consiste nel diventare consapevole dell’energia spirituale insita nelle persone e nelle creature viventi che ti sono vicine e sviluppare la tua sensibilità. Dopo tutto, la fisica quantistica ci dice che, al di là delle apparenze, tutto ciò che esiste nell’universo è composto di pura coscienza che vibra con frequenze diverse; gli oggetti materiali sono solidi e distinti solo in apparenza ma, in realtà, sono agglomerati di energia che si muove così rapidamente da creare una solidità illusoria. Molti anni fa, quando ero ancora all’inizio del mio percorso di studio sulle arti della chiaroveggenza e della guarigione, il mio maestro e mentore, il dottor Trenton Tully, mi disse che gli elementi concreti sono le fonti di informazione meno affidabili e che dovremmo sempre integrarle con altri dati per arrivare a una conclusione o prendere una decisione. Il suo consiglio mi ha fatto aprire gli occhi e mi ha aiutata a capire cosa è vero e reale; ha contribuito a far cadere il velo tra il mondo materiale e quello sottile.” Anteprima de Spiriti Guida di Sonia Choquette

L’aspra stagione di Mauro Favale e Tommaso De Lorenzis (Einaudi)


“L’Italia non sogna piú. Ha smesso di farlo un mattino di maggio del 1978. Da allora ha imparato a ingurgitare di tutto pur di restare con gli occhi sbarrati. Non lucida. Soltanto sveglia. Un Paese senza sonno. E senza sogni. Un Paese in cui non c’è differenza tra il giorno e la notte. Un Paese in cui sono successe troppe cose. Ma è come se niente fosse successo. Niente, dall’ultimo risveglio. Da quando ci siamo alzati e siamo usciti diretti al porto, per imbarcarci sull’unica nave galleggiante. La nave sulla quale abbiamo viaggiato fino a oggi. Navigando a vista. Questa non è la storia del sogno prima della veglia. E nemmeno del viaggio sul Titanic. Questa è la storia del tragitto dalle piazze al molo, dalle case al porto. È la storia degli ultimi passi sulla terraferma. La storia di come è iniziato l’ultimo, vero mutamento di questo Paese. È la storia d’un presente eterno e di un passato che ritorna. Di un modo, uno dei tanti, per uscire da una crisi gigantesca. È la storia di come fabbricare esplosivo e ficcarlo nel culo dell’Italia, con un timer che segna la percentuale del debito pubblico e un innesco chiuso dentro una ventiquattrore piena di soldi. Questo è il racconto degli anni in cui il Nostromo studiava da ammiraglio. Il racconto di chi è salito prima degli altri sull’aspra stagione la nave, per cadere in mare prima che il viaggio avesse inizio. E di chi ha preso un biglietto di terza classe, aggrappandosi a una passerella. Questo è il racconto dell’imbarco di corsari e bucanieri, promossi – sul ponte – al rango di ufficiali. Ed è il racconto d’una ciurma che aveva fretta di partire. E questa è la storia di un uomo che ha sognato e poi s’è svegliato. Un uomo che ha vissuto, creduto e capito, che ha scritto e raccontato. E che se n’è andato un attimo prima che la nave salpasse. Roma, gennaio 2010” (un estratto pp.5/6)
“Un cronista di ieri che non poté vedere l'oggi, ma ne sentí il fetore in avvicinamento. Ossimoro vivente e ambulante, smarrito e attentissimo, inflessibile e piegato nel morale, Carlo Rivolta raccontò lo sbandamento dei tardi anni '70, il grande e cupo impazzimento prima della risacca, tra sequestro Moro, inchiesta «7 Aprile» e storie di crimine organizzato. Nei suoi articoli, voci gridano prima di cadere nel silenzio, pallottole spaccano cuori, l'eroina invade le strade ed entra persino in fabbrica, tempio violato dell'integerrima classe operaia. Trent'anni piú tardi, De Lorenzis e Favale, segugi a caccia di un segugio, fiutano l'usta in giro per Roma, intervistano, incollano ritagli e scrivono una storia centrifuga, frullata in un rotor da luna park, dove nessuna complessità è sacrificata alla reticenza, nessun dolore viene taciuto. Un libro scritto col coraggio della verità.” (Wu Ming 1)
Carlo Rivolta narrò e visse la stagione tra gli anni '70 e gli '80. Un giovanissimo giornalista che raccontò la vita e la morte di un movimento, intuí gli anni a venire, contribuí a far nascere un grande giornale, morí di eroina.

Viaggio all’ascolto di Stefania Rizzo (Youcanprint)


Quanta paura per Alessandra, Giorgia, Carlotta, Elisabetta e Valeria. Non lo avrebbero mai immaginato. Così di punto in bianco, come un fulmine che squarcia il cielo all’improvviso. Non potevano crederci. Ste, la loro Ste, in coma! Cinque donne, cinque vite diverse si raccontano al capezzale del loro amato fratello, mostrando fragilità, desideri tenuti gelosamente nascosti, paure, frustrazioni, angosce che mai e poi mai avrebbero detto a qualcuno. Il medico aveva detto loro che la cosa migliore da fare era parlare e parlare e parlare con Ste, perché questo l’avrebbe aiutata. E così han fatto subito, non calcolando però che forse non proprio tutto sarebbe rimasto un segreto …

venerdì 30 marzo 2012

Lorne Rubis

"The constant in Lorne’s diverse career is his ability to successfully lead organizations through significant change. At US West, where he served as a Vice President / Company Officer, Lorne was one of only seven direct reports to the Chairman, responsible for the strategic planning process, governance and the company’s worldwide total quality initiative. After a brief but eventful stint at the LA Kings Hockey Club (where, as VP of Business Operations, he improved operations and oversaw the development of Staples Center and its innovative premium seating strategy) he became VP of Sales then Chief Operating Officer at Multiple Zones (now Zones.com). There, he led the transformation of the company from a business-to-consumer to a business-to-business enterprise, realizing dramatic growth in revenue and e-Commerce. As CEO of Stellar One, he successfully took a privately held Internet protocol TV software company to market. Lorne is currently the President and CEO of Ryzex, a mobile technology services company, with team members and customers throughout North American and Europe. Lorne has been in this role since 2004 and once again, is involved in actively leading a company through significant change. He has been married for 38 years, has three children and one grandchild and spreads his time between Mercer Island and Bellingham, Washington."


 
 

DOLLAR GENERAL

“Goodlettsville, Tenn.-based Dollar General Corporation is the nation's largest small-box discount retailer. We make shopping for everyday needs simpler and hassle-free by offering a carefully edited assortment of the most popular brands at low everyday prices in small, convenient locations. Dollar General ranks among the largest retailers of top-quality brands made by America's most-trusted manufacturers, such as Procter & Gamble, Kimberly Clark, Unilever, Kellogg's, General Mills and Nabisco.”

HERE

GIULIANO BABINI


“Giuliano Babini nato in Romagna il 6 gennaio 1951, diplomato presso l'Istituto d'Arte per il Mosaico di Ravenna e successivamente (corso di pittura) all'Accademia di Belle Arti di Bologna. (Docenti: A. Baccilieri, P. Mandelli, A. Parronchi, ecc. coi quali svilupperà una tesi su "Corrente" in collaborazione con Raffaele De Grada; integrando con alcuni corsi speciali. Docenti: V. Mascalchi, F. Caroli, G. Cortenova; tesi su "Testi Teatrali di F. Tozzi" in collaborazione con Piero Santi). Esordisce nel 1971 alla "Rassegna della Giovane Pittura Romagnola" di Faenza (RA), poi continua ad esporre in personali e collettive a Ferrara, Forlì, Bari, Genova, Palermo, Bologna, Trevi, Paray le Monial, Stoccolma, Tokio, Parigi, Milano, New York. Nel 1981 fonda con Enzo Tinarelli, a Ravenna, l'associazione culturale "Spazio G" divenuto poi punto di riferimento per giovani artisti. (D. Boudinet, U. Bruns, G. Burattoni, M. DeLuca, R. Fouque, S. Mazzotti, P. Racagni, M. Pascà, E. Pezzi, A. Pierno, M. Saluzzo, Tsunshan, ecc.) Si dedica all'elaborazione di scenografie teatrali e performance. Compie diverse esperienze nel campo della fotografia, della pittura e del mosaico. Decisive per l'evoluzione pittorica diverranno due mostre visitate attorno alla metà degli anni '80 "La Transavanguardia Internazionale" tenutasi a San Marino e "Dal Ritorno all'Ordine al Richiamo della Pittura" al Matildenhohe Darmstadt in Germania. Mosaicista presso lo studio "Il Mosaico" di Signorini (esegue lavori per P. Dorazio, A. Lanskoy, B. Saetti, E. Scanavino, M. Schifano, A. Sørensen, ecc.). Insegnante all'Istituto d'Arte ed Accademia di Belle Arti di Ravenna (promuove incontri e stages con Alchimia [studio], R. Barilli, R. Licata, B. Minardi, A. Rocchi, R. Signorini). Direttore artistico della "Galleria Rasponi Arte Contemporanea" dal 1991 al 1996 (pur partendo da un interesse all'arte giovane del territorio: F. Bocchini, L. Caccioni, E. Lombardi, M. Neri, F. Pozzi, ecc. dedicherà una particolare attenzione, [spesso in collaborazione con la Galleria Cannaviello di Milano] alla pittura europea di H. Albert, P. Chevalier, U. Dziersk, K.H. Hodicke, C.K. Mehrkens, H. Nitsch, T. Schindler, B. Zimmer, ecc. avvalendosi della consulenza critica di M. Bonuomo, M. Calvesi, F. Caroli, V. Conti, M.L. Frisa, S. Ghinassi, L. Meneghelli, C. Spadoni, ecc.) Contemporaneamente incaricato alla direzione artistica dello "Studio Akomena" dal 1988 al 2003 (collaborerà con autori quali: R. Arad, M. Bonetti, G. Demo, U. LaPietra, M. Lucchi, U. Marano, G. Pesce, E. Sottsass, ecc.). Nel 1996 direttore artistico della realizzazione musiva del sepolcro di Rudolf Noureïev (cimitero russo-ortodosso Sainte Genevieve des Bois, Paris) - Commissionato dalla Fondazione Rudolf Noureïev su progetto di Ezio Frigerio, coordinatore tecnico: Stefano Pace, realizzazione della struttura: Atelier de Décors de l'Opera Paris-Bastille, realizzazione del mosaico: Studio Akomena. Verso il duemila fonde la creativtà progettuale con Francesca Fabbri firmando le creazioni come "Akomena Progetti". "Animal Skin" (serie di tappeti flessibili ad imitazione ironica di pelli di animali, realizzati a mosaico) "Sassoft" 2001 (serie di elementi - sedute elastiche rivestite con sassi e silicone), presentati ad alcune manifestazioni internazionali prestigiose quali: "Sassoft" 01 (a cura di S. Riva - L. Valtorta), Dilmos - Milano, "Easy-Living in open space" 02 (a cura di P. Pinto - B. Modenese) Abitare il Tempo - Verona, "Carrefour de la Création" 01 (a cura di G. Simon) Centre George Pompidou - Paris, "Fertile garden" (design al fresco) 05 (a cura di M. Moss) Moss Gallery - New York. Nel 2008 cura la mostra allestita nei chiostri della biblioteca Casa Oriani a Ravenna; nel centenario della nascita "Giorgio Morigi Scultore" da un'idea di E. Giorgetti, presentazione di Alfonso Panzetta. Attualmente si occupa di insegnamento, di consulenze artistiche presso Gallerie d'Arte ed Aziende ed alla creazione di opere sculture/mosaico.” (l’opera qui proposta è di Giuliano Babini)

QUI

Guilty Wives by James Patterson and David Ellis (Little Brown and Company)


“No husbands allowed … Only minutes after Abbie Elliot and her three best friends step off of a private helicopter, they enter the most luxurious, sumptuous, sensually pampering hotel they have ever been to. Their lavish presidential suite overlooks Monte Carlo, and they surrender: to the sun and pool, to the sashimi and sake, to the Bruno Paillard champagne. For four days they're free to live someone else's life. As the weekend moves into pulsating discos, high-stakes casinos, and beyond, Abbie is transported to the greatest pleasure and release she has ever known. What happened last night? In the morning's harsh light, Abbie awakens on a yacht, surrounded by police. Something awful has happened--something impossible, unthinkable. Abbie, Winnie, Serena, and Bryah are arrested and accused of the foulest crime imaginable. And now the vacation of a lifetime becomes the fight of a lifetime--for survival. GUILTY WIVES is the ultimate indulgence, the kind of nonstop joy-ride of excess, friendship, betrayal, and danger that only James Patterson can create.”

Oggi mangio da … n. 196: Ristorante Zuppa di Pesce


“Il ristorante Zuppa di Pesce è un locale piccolo ma elegante e curato di Montesilvano (PE), dove tutti i piatti vengono preparati solo con il pescato locale e termolese con ricette esclusivamente marinare: crudità di mare, antipasti freddi e caldi tipici termolesi e fantasie di mare. Tutti i piatti sono preparati con prodotti locali freschi (giornalieri) dallo chef Max con maestria, abbinando il pescato e soddisfacendo il palato della clientela più esigente, come attesta il riconoscimento della Federazione Nazionale Cuochi. Il servizio in sala, curato da Cristina è molto scrupoloso a attento alla pulizia e al cliente. Assaggiate le specialità come la ZUPPA DI PESCE, abbinata con la pasta e i crostini in modo da unire in un piatto unico sia il primo che il secondo. Ogni giorno il menu viene variato dallo chef a seconda del pescato di giornata.”

QUI

Il libro del giorno: Il Mio Coma e come ho Imparato a Vivere di Mauro Bottura (Acquario edizioni)



Il Mio Coma e come ho
Imparato a Vivere - Libro


Bottura ha vissuto un'esperienza di coma (una Near Death Experience, come oggi si preferisce chiamarla) e oggi può dire che non è stata una parentesi di buio senza ricordi, come i più ritengono. Al contrario, ha lasciato in lui una traccia indelebile, lo ha reso un uomo più forte e interiormente più ricco, con la missione di "guarire" gli altri, dopo aver avuto in sorte di "guarire" sé stesso. Semplice, di gradevole lettura, ma ricco di pensieri e consigli profondi, il libro risulta avvincente per le situazioni che narra, tratte da episodi di vita reale. Da quando Bottura è uscito dal coma la sua vita non è stata più la stessa. Si può dire che solo da quel momento ha iniziato a vivere, perché ha capito che non tutto è qui e ora, ma c'è molto di più da svelare, afferrare e fare nostro. La vita non è solo lavoro, piacere, ambizione, competizione, accumulo, scadenze, ma può essere un meraviglioso percorso verso la conoscenza, il miglioramento personale, l'armonia, l'equilibrio. Dopo il coma Bottura si è reso conto che doveva aiutare gli altri e da allora si dedica a stabilire un contatto personale con chiunque senta il bisogno di "guarire", cioè di prendere coscienza dei legami che ci condizionano impedendoci di esprimere le nostre potenzialità.

STORIA DEI FREAK DI OMAR LOPEZ MATO (ODOYA)


Nelle pagine di questo libro sfilano individui che, come tutti noi, hanno partecipato alla divina lotteria e hanno perso. Fin dall’antichità il loro passaggio ha incuriosito quell’umanità che è stata più fortunata. Erodoto e Plinio ne parlano nei loro scritti, mentre Aristotele, non senza malizia, li ha definiti lusus naturae, tracciando quel parallelismo tra orribile e moralmente cattivo poi ripreso dei padri della Chiesa. Freaks presenta una carrellata di prodigiosi individui: nani acondroplasici, uomini con la coda, donne barbute; si raccontano le loro vite circensi, la loro miserabile esposizione o le loro maestose prodezze. I “fenomeni da baraccone” sono sempre stati sfruttati da chi ha fatto della loro esibizione una lauta fonte di ricchezza, e Barmun non fu certo l’unico imprenditore che, mentre annunciava il suo spettacolo contando i milioni che riusciva a guadagnare, con un sorriso in volto commentava che ogni minuto nascono degli imbecilli da poter ingannare con i suoi trucchi. Oltre a narrare le straordinarie vite di questi personaggi che hanno ispirato scrittori e cineasti, nel libro vengono rintracciate le radici biologiche che hanno prodotto le loro singolarità, le mutazioni genetiche che spiegano o tentano di chiarire le cause della loro cosiddetta mostruosità. Tra loro e il resto dell’umanità esiste solo una minuscola porzione di Dna modificato da imprevedibili mutazioni. La nostra vita dipende dalla volubile e capricciosa successione di questi acidi nucleici. Tanto fragile è la nostra presunta normalità, tanto labile la nostra plausibile mostruosità. Tra i personaggi: Joseph Merrick, l’Elephant Man del film di David Lynch; Julia Pastrana, l’irsuta ballerina che dal Messico arrivò a esibirsi a Mosca; Johnny Eck, il re dei freak, e il principe Randian, il torso umano, entrambi protagonisti del film Freaks diretto da Tod Browning nel 1932.

Green Building Economy - Primo rapporto su edilizia, efficienza e rinnovabili in Italia a cura di Giuliano Dall'O'. Intervento di Vander Tumiatti (Fondatore di Sea Marconi Technologies)


Tra i miei tanti obiettivi di carattere professionale e tra le tante linee di condotta tra i miei “simili”, ho cercato sempre di individuare e comunicare una linea di crescita percorribile, una strada da seguire tra innovazione e studio, tra sostenibilità e impatto ambientale, e che includesse eventualmente anche spunti di riflessione su una possibile e obiettiva ricerca tra un nuovo modo di percepire l’abitare e le nuove tecniche a ridotto impatto energetico sul costruire. Ho partecipato a diverse incontri seminariali, a più di una trentina di convention internazionali sull’ambiente dove si è parlato anche di questi argomenti, ho scritto numerosi interventi su riviste prestigiose con la sola volontà di fare chiarezza su un termine oggi alla moda come “eco-sostenibilità”. Parola che include anche aree d’interesse differenti, come quelle domestiche ed edili. E’ dunque possibile pensare ad un’ “eco-compatibilità”, ad un’ “eco-sostenibilità”, che possa rendere la filosofia dell’abitare un sistema integrato di conoscenze e nuove tecnologie in grado di armonizzare contesti privati e pubblici? A che punto è lo “stato dell’arte” dell’economia verde nell’edilizia nel nostro Paese?  Interrogativi che hanno trovato una degna risposta in uno splendido libro di Giuliano Dall’Ò, edito da Edizioni Ambiente, dal titolo “Green Building Economy - Primo rapporto su edilizia, efficienza e rinnovabili in Italia”.  Giuliano Dall’Ò , è docente associato di Fisica tecnica ambientale presso il Dipartimento Best del Politecnico di Milano e coordinatore del Gruppo di lavoro sull’efficienza energetica del Kyoto Club, il quale promuove strategie e progetti per contenere i consumi energetici nei diversi comparti, attraverso soluzioni tecnologiche d’avanguardia. Il volume è suddiviso in tre parti nelle quali si analizzano la green economy nel settore edilizio nel nostro Paese, il mercato dei sistemi, delle tecnologie e dei servizi, grazie all’ausilio d’indagine dato dalle diverse associazioni di categoria e, dulcis in fundo, le strategie adottate nel nostro Paese per accelerare il cambiamento verso l’efficienza energetica di Confindustria. Di urgenze ambientali in Italia ce ne sono moltissime, e non per ultime quelle energetiche ed economiche, che richiedono un potenziamento dell’efficienza delle rinnovabili nel settore edilizio.  C’è una Direttiva europea che introduce una formula, la quasi zero energy building, in modo prescrittivo a partire dal 2020, quindi tra pochissimi anni, per tutti gli edifici (con anticipo addirittura di due anni per quelli pubblici o a uso pubblico), generando però non poche preoccupazioni. Secondo l’autore, la certificazione energetica, applicata agli edifici nuovi, ha sostanzialmente funzionato e il fatto che si pensi a edifici a energia quasi zero è positivo, visto che le attuali tecnologie rendono quello che fino a pochi anni era considerato un sogno, una realtà.  La competizione si sposta adesso sul piano della certificazione di qualità: in un mercato in cui tutti gli edifici saranno teoricamente molto efficienti - il riferimento è sempre al 2020 - un edificio certificato da un organismo indipendente controllato dal sistema di certificazione nazionale (vedi Accredia Ex Sincert) offrirà migliori garanzie. Un obiettivo ambizioso che comunque, sottolinea Dall’O’, non ci deve distogliere da un problema importante, specie per la Green Building Economy italiana: il recupero energetico del patrimonio edilizio esistente; ma questo è un discorso troppo ampio per essere affrontato in queste righe.  Sostiene Dall’O’ che non solo lo Stato ma anche i governi regionali e locali possono fare molto. Ed è sul piano locale, dove si riscontrano disparità notevoli tra regioni “virtuose” e altre che virtuose non sono, che ci sarebbe molto da fare. Non va inoltre sottovalutato il ruolo dei comuni, determinante nel governo del territorio (ad esempio, con lo strumento dei regolamenti edilizi oppure attraverso quello della pianificazione energetica comunale o dei Piani per l’energia sostenibile).  In conclusione, il quadro che esce dal rapporto è composito e in continua evoluzione, il che rivela un panorama economico che, almeno in questo settore, è tutt’altro che immobile o stantio! Anzi è assurto ad esempio di un mondo animato da professionalità serie ed efficienti che non intendono più limitarsi ad aspettare che passi sul fiume “il cadavere del nemico”. Ma la cosa che emerge con maggiore evidenza da questo interessantissima pubblicazione, è la possibilità che proprio l’efficienza energetica nell’edilizia, e in generale nelle  energie rinnovabili, rappresenti il settore a partire dal quale, non solo si può pensare di ricostruire la nostra ormai decadente economia, ma anche di darle un impulso capace di creare nuove opportunità di sviluppo e di lavoro per giovani architetti, costruttori, ristrutturatori, venditori di materiali edilizi, industrie manifatturiere ecc. A tale riguardo l’autore osserva che, con il solo incentivo del 55%, gli interventi a favore dell’efficienza degli edifici già realizzati hanno sviluppato un volume d’affari pari ad oltre 10 miliardi di euro, creando 150.000 nuovi posti di lavoro ‘green’. Un dato che propone un’immagine decisamente dissonante da quella di un paese in stallo e che ribadisce, casomai ce ne fosse bisogno, le straordinarie opportunità che potrebbero scaturire da maggiori investimenti in attività legate all’efficienza energetica nell’edilizia e nelle energie rinnovabili. Un’occasione così grande e “possibile” che sarebbe un vero peccato se il nostro Paese se la lasciasse sfuggire. 

(intervento apparso sul quotidiano Paese Nuovo del 29/03/2012)

giovedì 29 marzo 2012

The Jerusalem International Conference on "Neuroplasticity and Cognitive Modifiability" (March 2013 in Jerusalem)


"A multilingual international conference on "Neuroplasticity and Cognitive Modifiability" will be held in March 2013 in Jerusalem. The conference will be a unique meeting of experts and professionals from around the world, researchers and practitioners alike, and will deal with theories and new findings in the scientific brain research and their implications on the contemporary dominating theories (and practice) of psychology, education and cognitive therapy.
Preliminary details are already on the conference website:  http://www.brainconference.com/en/index.php

New solutions and tools are available now for professionals facing medical, psychological, educational and developmental problems of the human being. Revolutionary developments in brain science support today the theory (*) and the belief that basic human behaviors and functions can be modified. Systematic application of assessment and intervention programs prove that change is possible. There is a new science and awareness that the three conventionally agreed upon resistances to change can be overcome: Etiology (certain disabilities cannot be modified), critical periods (change is not possible after certain developmental milestones), and severity (extreme conditions cannot be improved). This new science rests upon two potentials-cognitive modifiability and neural plasticity. There is much to learn and understand about both. They confirm the potential to change the structure and function of the brain, and explain the major enhancement and restoration of mental functions. This conference is a meeting between the two disciplines of education and neurophysiology. One that precedes (cognitive modifiability) and one that supports the potential for change (neural plasticity). At the same time it is an international encounter of professionals from different countries, cultures and languages, those with curiosity and desire to enrich themselves. It is a unique meeting of utmost importance for all participants from the fields of Psychology, Education, Medicine and Therapy occupations. If there is such a thing as a critical period for such a dialogue, the time is now. If there is a right place to host such a scientific meeting and share knowledge and hope - this is Jerusalem.

Lover Reborn: A Novel of the Black Dagger Brotherhood by J. R. Ward (New American Library)


“N.1 "New York Times" bestselling author J. R. Ward's novels of the Black Dagger Brotherhood continue as a vampire warrior crosses the line between life and death...and ventures into an erotic world of dark dreams and darker desires. Ever since the death of his "shellan," Tohrment has been unrecognizable from the vampire leader he once was. Physically emaciated and heartbroken beyond despair, he has been brought back to the Brotherhood by a self-serving fallen angel. Now, fighting once again with ruthless vengeance, he is unprepared to face a new kind of tragedy.
When Tohr begins to see his beloved in his dreams--trapped in a cold, isolated netherworld far from the peace and tranquillity of the Fade--he turns to the angel in hopes of saving the one he has lost. But because Lassiter tells him he must learn to love another to free his former mate, Tohr knows they are all doomed....
Except then a female with a shadowed history begins to get through to him. Against the backdrop of the raging war with the "lessers," and with a new clan of vampires vying for the Blind King's throne, Tohr struggles between the buried past and a very hot, passion-filled future...but can his heart let go and set all of them free?”

DANAHER


“Origins - In the early 1980's, Steven and Mitchell Rales' vision of a manufacturing company, dedicated to continuous improvement and customer satisfaction, was conceived during a fishing trip on the Danaher, a tributary to the south fork of the Flat Head River in western Montana.The origin of the name "Danaher" goes back to the root "Dana," a Celtic word dating from before 700 BC and meaning "swift flowing”. Danaher traces its origins back to 1969 when its predecessor, DMG, Inc., was organized as a real estate investment trust.  In 1978, DMG, Inc. changed its name to Diversified Mortgage Investors, Inc., and in 1984 we adopted the name Danaher.  An important element of the Company’s history has been the evolution of the Danaher Business System (DBS) which began in our Jacobs Vehicle Systems business in the late 1980’s. It was there that Danaher became one of the first North American companies to utilize the principles of kaizen, the Japanese word for continuous improvement. Representing a truly global process today, DBS is utilized by every operating location, function and level at Danaher to shape strategy, focus execution and create value for customers and shareholders alike.
Building a Strong Foundation - In the early 90's, Danaher consisted of a group of discrete, cyclical businesses. Our corporate vision was to achieve above average growth along with reduced cyclicality. In the mid 90's, we began moving from fragmented businesses towards the creation of strategic platforms with sustainable competitive advantages and leadership positions in multi-billion dollar, global markets.  Since then our portfolio has evolved to become a more global, higher growth, more scientific and technological set of businesses. Today, Danaher is a science and technology leader that designs, manufactures, and markets innovative products and services to professional, medical, industrial, and commercial customers.  Our portfolio of premier brands is among the most highly recognized in each of the markets we serve.  Our 59,000 associates around the world serve customers in more than 125 countries.  In 2011, we generated $16.1 billion of revenue from five reporting segments: Test & Measurement, Environmental, Dental, Life Sciences & Diagnostics, and Industrial Technologies.
Looking Ahead - As we continue to evolve our portfolio, the elements of a swift flowing river have been retained. The company has never strayed from the clarity of our initial vision. The flow of the business is ever changing but the guiding principles of DBS --continuous improvement and customer satisfaction--remain constant.   With DBS providing the inventory of growth and cost tools, we are aggressively pursuing our goal to build an outstanding team, a high quality portfolio and a sustainable business model achieving superior and sustainable financial results. That's our vision of the future - the vision we're aggressively pursuing as we work to build a global science and technology company with DBS.”


GIORGIO MILANI


“I Poetari che caratterizzano la sua produzione attuale sono frutto di un percorso che inizia a metà degli anni Sessanta e si sviluppa per l’intero ventennio successivo nello studio del rapporto tra immagine e scrittura. I Poetari sono esposti per la prima volta nel 1997 a Milano nella mostra Poetari di fine Gutenberg, organizzata dalla Fondazione Stelline con il patrocinio del Comune di Milano e curata da Tommaso Trini. Allo stesso anno risale Il Poetario Blu, un’opera di grande formato che viene collocata all’interno dell’Università Cattolica di Piacenza; dell’anno successivo è Il Libro Poetario di Gutenberg, realizzazione di ragguardevoli dimensioni su una suggestiva struttura ondulata che va ad abbellire l’ingresso della Biblioteca Passerini Landi di Piacenza. Prosegue intanto l’attività espositiva con due tappe significative a Miami (USA) all’Art Miami tra il 1998 e il 1999. Sempre nel 99, in vista dell’anno giubilare è la creazione del grande suggestivo Jesus – Poetario, Crocifisso di fine millennio che viene esposto presso la Fondazione Stelline di Milano ed ora si trova presso l‘Università Cattolica di Piacenza. Nel 2000 è presente alla Galleria d’arte 2000&Novecento di Reggio Emilia con la mostra Poetari di cielo a cura di Luciano Caramel e nel 2002 il Druckunst Museum di Lipsia gli dedica un’importante personale. La notorietà dei suoi Poetari si espande anche oltre frontiera: dal 2000 ad oggi tiene, infatti, importanti mostre rispettivamente a Barcellona (Spagna), Gent (Belgio), Monaco (Germania), Lipsia (Germania), Montecarlo (Principato di Monaco), Beirut (Libano) ed a Milano, Padova, Torino, Reggio Emilia e Bologna in Italia. Nel 2005 è invitato alla XIV Quadriennale di Roma dove espone Opera aperta, un grande poetario costituito da circa 1.800 fregi e caratteri tipografici. Il 2006 vede Milani impegnato in un intervento di arredo urbano in Piazzetta Baciocchi a Piacenza, dove un poetario creato utilizzando autobloccanti Paver (da Milani ideati e progettati) va a costituire parte della pavimentazione stradale. Nel 2007 espone a Milano nella sede di Agoràrte, in una mostra curata da Philippe Daverio. Lo spazio espositivo, oggi a Porta Romana, era ancora situato nelle vicinanze di via Brera, dove si trova un’altra opera realizzata dall’artista nello stesso anno: la grande fontana in marmo bianco di Carrara Dove mormori eterna l’acqua di giovinezza, il cui nome trae ispirazione dagli “Ossi di Seppia” di Eugenio Montale. E’ presente al Mart di Rovereto nella mostra: “La parola nell’arte, ricerche d’avanguardia nel ‘900. Dal Futurismo a oggi”. Nello stesso anno la DFG (Deutsche Forschungsgemeinschaft) organizza a Bonn la più vasta esposizione di Poetari, cento lavori fra quadri e sculture provenienti da diversi paesi europei. Nel 2009 è fra i sedici artisti internazionali invitati a Berlino per la realizzazione di alcune opere all’interno della Biblioteca Statale Unter den Linden. Nel 2010 realizza a Salsomaggiore “Opera aperta fra Oriente e Occidente” scultura in bronzo e acciaio collocata in Piazza Lorenzo Berzieri. A Fiorenzuola d’Arda presso la Stazione ferroviaria realizza “ROSAe” scultura in acciaio e masselli di calcestruzzo. (l’opera qui riprodotta è di Giorgio Milani)



Oggi mangio da ... n. 195: RISTORANTE IL CINQUCENTO


“Avvolto nella magica atmosfera di Corropoli, il Ristorante Il Cinquecento, locale tipico, è il luogo ideale dove, tra ricerca del gusto e del buon cibo, ognuno può stare bene in un ambiente familiare ed accogliente. Il Ristorante Il Cinquecento offre i piatti che sono rigorosamente preparati come detta la nostra tradizione, dalla pasta fatta in casa alle carni e salumi prodotti dalla azienda agricola Cardelli. Il tutto ben irrorato dalla vastità della nostra cantina fornita da aziende vitivinicole locali con il ‘re’ dei nostri vitigni il Montepulciano d’Abruzzo. Da diversi anni il Ristorante Il Cinquecento si prende cura dei suoi clienti, che ripetono ad ogni presenza di essere soddisfatti e sicuri di non abbandonare mai i sapori di casa. Il Ristorante Il Cinquecento inoltre offre la possibilità di accogliere fino a 80 persone per banchetti e ricorrenze compleanni ed altre festività”


Siglato accordo di distribuzione con Amazon.it !


“Questo è il nostro regalo di primavera: oltre 400 titoli cartacei con disponibilità immediata sono da oggi acquistabili sul più grande book store del mondo: Amazon.it. Grazie all'accordo siglato con Amazon, Youcanprint da oggi renderà disponibili all'acquisto e alla spedizione in tempi rapidi di tutte le opere di coloro che sceglieranno il nostro self-publishing. La presenza su questo store potrà garantire una visiblità incredibile e contribuire ad aumentare sensibilmente le opportunità di vendita per i nostri autori. Questo tassello completa un progetto di crescita straordinario che ci ha portato a stringere rapporti solidi di partnership con le più importanti realtà dell'e-commerce editoriale: Amazon, LaFeltrinelli, Bol.it, Ibs.it, Giardino dei libri etc. Con Youcanprint l'autore può accedere alla più ampia distribuzione cartacea e digitale rispetto a tutti i self-publishing italiani. Ma Amazon non è ovviamente un punto di arrivo ma un punto di partenza. Nelle prossime settimane vi aspettano straordinarie novità riguardo la vendita e la distribuzione. L'inserimento delle opere su Amazon è automatico, gratuito e incluso nel servizio di pubblicazione. Le opere non ancora inserite, saranno rese disponibili nei prossimi giorni.” (Alessandro De Giorgi – direzione Youcanprint)

URTH DEL NUOVO SOLE DI GENE WOLFE (FANUCCI)


In quest’ultimo capitolo del Libro del Nuovo Sole, Severian è divenuto ormai Autarca di Urth, ma un viaggio decisivo lo chiama. È giunto il momento di lasciare il pianeta per affrontare la prova estrema. Il destino prevede per lui solo due possibilità, senza alternative: diventerà il leggendario Nuovo Sole oppure la morte calerà il suo nero mantello su di lui. Integrato nel progetto narrativo dell’intero ciclo, ma tale da poter esser visto come elemento architettonico a sé stante, Urth del Nuovo Sole è il coronamento di un singolare romanzo di formazione che, attingendo tanto al racconto popolare quanto alle strategie del postmoderno, reinterpreta magistralmente i codici del genere fantascientifico.

Gene Wolfe accompagna il lettore tra le pagine più complesse e cariche di risposte dell’intero ciclo, riconfermando la sua straordinaria vocazione al fantastico, con nuovi spunti che attingono alla tradizione cristiana e alla kabbalah ebraica.

Michela Marzano: VOLEVO ESSERE UNA FARFALLA (Collezione Strade Blu, Mondadori). Intervento di Mariangela Notaro


Michela Marzano è una filosofa e scrittrice, un’autorità negli ambienti della società culturale parigina. La sua vita si è svolta continuamente all’insegna del dovere che l’ha indotta a fare sempre meglio, sempre di più, sino a portarla all’illusione di poter raggiungere la totalità di una perfezione che, in fondo, le veniva sottilmente richiesta in ambito familiare, soprattutto dal padre. “Lei è anoressica” le viene detto da una psichiatra quando ha poco più di vent’anni. Da questa frase raggelante vede l’alba il suo libro “Volevo essere una farfalla”. Attraverso il libro Michela Marzano racconta come un’esperienza distruttiva quale l’anoressia sia stata, poi, meravigliosamente in grado di rivelarsi maestra di vita. L’autrice cerca di farci capire in modo appassionato e soprattutto non convenzionale come ciò che deve emergere dalla scrittura sia il “perché” molto più che il fatto. La straordinarietà del contenuto trova il suo modo d’essere, infatti, non tanto nel tentativo di richiamare l’attenzione del lettore sulla malattia e su tutto ciò che ruota intorno ad essa, ma bensì su tutto quel che ne giace dietro e che solitamente è invisibile ad occhio nudo, o per meglio dire, a cuore nudo.
Attraverso le pagine del libro ci si rende subito conto di come la maestria dell’autrice risieda nella sua capacità di raccontare dell’anoressia senza parlare della patologia, di alludere alla sofferenza senza descriverla, di parlare del male senza dare a questo una consistenza, uno spazio tangibile tra le cose. Ciò che preme alla scrittrice non sono le parole in sé né la loro aderenza ad una forma stilistica che si elevi a figlia prediletta dei dettami letterari, ma piuttosto il senso segreto che dimora dietro quelle parole, la forza che spinge un’anima a risalire in superficie per poi inabissarsi di nuovo, stavolta pulita, incorrotta. Scivolando tra le pagine del libro si ha come la sensazione di incontrare l’anoressia quasi per caso, come fosse un evento fortuito, un’ombra subentrata solo per riaccendere mille luci.
L’autrice compie un viaggio a ritroso nella sua esistenza nel tentativo di riportare alla memoria quei fatti, quei pensieri, quegli sguardi, quelle presenze e assenze insieme che hanno edificato le basi del suo male, portandola un giorno qualunque di un anno qualunque a destituire la sua vita.
E la scrittura diviene, in questo modo via d’uscita verso la vita vera, verso l’amore autentico, verso i sapori trafugati e sospesi. Dalle pagine del libro si fa chiaro come la scrittura, a volte, debba esistere non tanto per fare cronaca di fatti, ma per rendere finalmente giustizia a quei fatti, per denunciare con amore le ingiunzioni contraddittorie, le ansie, le angosce di un’esistenza.
Il libro ha il potere eccezionale di farsi leggere tutto d’un fiato e a lettura conclusa si ha come la sensazione di essere stati abbandonati da una persona cara, da una presenza di cui i tuoi giorni non potrebbero fare a meno. Mi ha impressionato constatare come da un’esperienza deleteria come l’anoressia, una persona, attingendo dalle sue viscere e scavandoci dentro, possa rendesi capace di ripulirle dal verme che si ciba di esse ed ergersi, al fine, vincitore.
Michela Marzano ci mostra con una semplicità disarmante e penetrante insieme come attraverso parole depurate da orpelli e stilismi fini a se stessi, ma ancor più ripulite dai “ghirigori” di una mente claudicante, si possa evadere da quell’Io che ci sottrae a noi stessi,  rendendoci parassiti del nostro stesso cuore e varcare coraggiosamente la soglia di quell’altro Io che invece ci consacra ad un’esistenza migliore.
Ben vengano, allora, il male e le sue peripezie, ben vengano l’inquietudine e la scontentezza di Sé a patto che la consapevolezza di potercela fare resti immutata alla base. A patto di riuscire a distinguere il senso nascosto di ogni parola letta ma ancor prima ascoltata, indice di una sensibilità e di una forza che saranno in grado di riconoscere le virtù anche di quella porzione di vita che non va ed accettarle con pacifica rassegnazione.
Rassegnazione che non è rinuncia alla vita, bensì serena convivenza con Noi stessi ed il resto del mondo.
Le pagine di Michela Marzano ci insegnano tutto questo.

Macro pop 2